EVA diario di una costola

con Rita Pelusio e Marta Pistocchi (violino)
regia di Marco Rampoldi
di Rita Pelusio, Alessandra Faiella, Marianna Stefanucci e Riccardo Piferi
fotografie di Laila Pozzo

produzione PEM Habitat Teatrali

«E Dio creò la donna… ». Eva. Sì, ma quale Eva?

Eva è una figura molto lontana dall’immagine della bella, bionda e ingenua alla quale l’iconografia classica della donna ci ha abituati.

Un fool irriverente che si trova alle prese, prima della storia, con la più grande scelta dell’umanità: accettare le regole o disubbidire. Una trasgressione all’insegna della scoperta, di cui la mela è simbolo: morderla o non morderla?

In un misto di consapevolezza e disincanto, Eva si chiede che cosa succederà dopo, proiettandosi nella contemporaneità delle donne di oggi.

Umane nella loro imperfezione queste donne raccontano il coraggio di chi ogni giorno combatte per la propria felicità.

Perché la diversità manda avanti il mondo.

Perché il paradiso sarà pur perfetto, ma la vita è tutta un’altra cosa.